All’Auditorium Parco della Musica di Roma si terrà dall’11 al 14 maggio il Festival delle Scienze 2017, in partnership con National Geographic. Infatti la XII Edizione quest'anno prende il nome National Geographic Festival delle Scienze, edizione appunto dedicata al tema del “cambiamento”, nell’ottica dell’insegnamento di Darwin, secondo cui la specie che riesce a sopravvivere alla selezione naturale è quella più pronta e disposta a cambiare, in grado di adattarsi alle modificate condizioni dell'ambiente. La scienza stessa è cambiamento, ricerca, scoperta e ha un ruolo fondamentale nell'aiutare l'uomo ad affrontare il cambiamento, a cominciare dalle mutazioni climatiche, dalla crisi economica, alla rivoluzione digitale. Il Festival invaderà l'Auditorium Parco della Musica organizzando incontri, conferenze, laboratori e spettacoli, dove saranno protagonisti ricercatori scientifici italiani e internazionali, ma anche filosofi, linguisti, giornalisti e artisti. Per il programma dettagliato di tutti gli appuntamenti potete consultare il sito: http://www.auditorium.com/eventi/festival/6195870/1494453600

Gli appuntamenti, tutti a pagamento al costo fisso di 3 euro, saranno suddivisi in cinque percorsi: Changing Future (sul clima e sul nostro futuro), Global Change (globalizzazione), Next Tech (innovazione nella tecnologia e nella medicina), Our Evolution (dalle metropoli all'universo), Changing Economy (sfide economiche e lotta contro la povertà).

Tra gli eventi in programmazione dobbiamo ricordare l’anteprima del telefilm Genius, una serie tv su Albert Einstein co-prodotta e diretta dal premio Oscar Ron Howard, che aprirà il Festival la sera del 10 maggio. Mentre a chiudere il Festival delle scienze ci sarà Patti Smith, intervistata dal direttore del National Geographic Magazine, Marco Cattaneo, che dirà la sua su come arte e scienza possano collaborare per salvare il Pianeta. L’artista illustrerà la sua visione del mondo su temi come la salute del pianeta e i cambiamenti climatici, spaziando dalla fotografia alla poesia, in un connubio interessante tra arte e scienza, temi proiettati al futuro del mondo.

 

Leave a comment